martedì , 14 Luglio 2020

Nasce il Coordinamento delle Associazioni dei Musicisti

È arrivato il tempo di UNIRE non solo i musicisti, ma TUTTE le ASSOCIAZIONI maggiormente rappresentative dei MUSICISTI !

Ecco perché per la prima volta, sia noi che tantissime altre associazioni che da anni rappresentiamo i musicisti, ci siamo UNITI in un “tavolo di coordinamento”: ACEP, AIA, ANPAD, ASAE, ASSOARTISTI, ASSOLIRICA, FNAS, ITALSHOW, MIDJ, NOTE LEGALI, SOS MUSICISTI, UNCLA

Per quali scopi ?

  • COLLABORARE per definire misure straordinarie di gestione dell’emergenza e di ripartenza del settore
  • PROPORRE una riforma della normativa fiscale, previdenziale e delle altre tutele a favore dei musicisti
  • Porre le basi per una SOLIDA rappresentanza dei musicisti davanti alle istituzioni.

Condividono e collaborano anche le centrali cooperative Confcooperative Cultura Turismo Sport, Legacoop Cultura, e le rappresentanze di Slc Cgil Nazionale e Uilcom Nazionale.

TUTTE le ASSOCIAZIONI già esistenti o nuove, sono invitate al nostro “tavolo”…contatteci !!

Diversi artisti hanno dato sostegno alla nostra Unione, tra cui DODI BATTAGLIA, LO STATO SOCIALE, MASSIMO VARINI, RITA MARCOTULLI…e tantissimi altri

COMUNICATO STAMPA

Si sono riunite (in videoconferenza), per la prima volta, le associazioni che rappresentano i musicisti lavoratoriACEP, AIA, ANPAD, ASAE, ASSOARTISTI, ASSOLIRICA, FNAS, ITALSHOW, MIDJ, NOTE LEGALI, SOS MUSICISTI, UNCLA.

Scopo di questo primo incontro conoscitivo è stato avviare una collaborazione volta a definire misure e proposte atte a gestire la situazione di emergenza contingente, la ripartenza del settore dello spettacolo e proporre una riforma della normativa che disciplina l’inquadramento fiscale, previdenziale e le altre tutele a favore dei musicisti.

Inoltre, il Coordinamento pone le basi per una ampia rappresentanza dei musicisti davanti alle istituzioni.

«Esprimo grande soddisfazione nel sapere della nascita di un Coordinamento di Associazioni di Musicisti che “via internet” si sta riunendo per trovare percorsi comuni a salvaguardia della categoria. Vedere molte persone, rappresentanti esperti del settore, lavorare insieme a un progetto che andrà a favore di tutti i musicisti dimostra ancora una volta come noi italiani nei momenti più difficili diamo il meglio di noi stessi. Auguri e Viva la Musica”». Dodi Battaglia.

«Crediamo da sempre nel potere salvifico delle rappresentanze sindacali e della possibilità di trovare, attraverso la condivisione, un orizzonte comune verso cui puntare per un maggiore e costante ampliamento dei diritti e delle coperture assistenziali. Sperando poi di farlo, nuovamente, stando assieme». Lo Stato Sociale.

«Cercando di sopravvivere all’emergenza, ci si presenta l’opportunità di scrivere una nuova storia: di collaborazione, di condivisione nel senso più vero del termine, di fare la differenza. La nascita di un Coordinamento di Associazioni di Musicisti sarà credo una pietra miliare per il futuro a venire. Ma è anche necessario che tutti i musicisti diano fiducia a qualcuno che li rappresenti, iscrivendosi concretamente». Massimo Varini.

«I musicisti sono sempre in prima linea sul fronte della solidarietà e della beneficenza e ora il nostro settore sta vivendo un periodo tragico, di emergenza. Mi auguro che questa esperienza che costringe a riflettere possa portare a una rinascita e a un cambiamento migliore». Rita Marcotulli.

Condividono la necessità di individuare delle misure per la ripartenza le centrali cooperative, Confcooperative Cultura e Culturmedia Legacoop, che hanno partecipato alla riunione e che si dichiarano disponibili a collaborare con il Coordinamento, nonché le rappresentanze di SLC-CGIL e UIL-COM.

Il Coordinamento invita ogni altra associazione che rappresenti musicisti e i musicisti a partecipare attivamente a questo importante momento di ridefinizione della rappresentanza, seguendo le iniziative proposte e iscrivendosi a una delle associazioni esistenti.